domenica 29 marzo 2020

Sportello on line per la consulenza mobilità da martedì 31 marzo

DA MARTEDI' 31 MARZO parte la nostra assistenza per la compilazione delle domande di mobilità. 

Il 23 marzo 2020 sono state pubblicate le ordinanze ministeriali 182/20 (per il personale docente, educativo ed ATA) e 183/20 (per gli insegnanti di religione cattolica) trasmesse con la nota 6904 del 24 marzo 2020. Con la pubblicazione delle ordinanze si è avviata la presentazione delle domande di mobilità e tutte le operazioni connesse
Personale docente dal 28 Marzo al 21 Aprile 2020– modalità su Istanze On Line
Personale Educativo dal 4 Maggio al 28 Maggio 2020– modalità su Istanze On Line
Personale ATA dal 1 Aprile al 27 Aprile 2020– modalità su Istanze On Line
Per l’intera durata della finestra temporale riservata alla presentazione delle domande, vista l’emergenza sanitaria e quindi l’impossibilità ad assicurare la consueta consulenza in presenza, gli appuntamenti on line andranno concordati con i consulenti.
Siamo consapevoli dei disagi che si stanno creando, ma intendiamo gestire questo momento così critico per tutte/i con la massima responsabilità nei confronti di tutta la nostra comunità professionale e sindacale con l’obiettivo di contribuire a ridurre i rischi a carico di tutte/i, osservando le norme imposte, uscendo prima possibile da questa situazione di crisi.
QUI trovate la scheda della FLC CGIL nazionale con alcune prime informazioni.

Prenota qui la consulenza mobilità (cliccando sul link, potrete fornirci i vostri dati principali e prenotare la consulenza)

Allegati alla domanda (da compilare qualora non siano già inseriti nel vostro profilo di Istanze on Line per domande degli anni passati)

Ricordiamo che la consulenza sulle domande di mobilità è riservata agli iscritti alla FLC CGIL e a chi si iscrive. Chi non è iscritto, può effettuare l’iscrizione compilando in ogni sua parte il modello di delega e inviarlo insieme a copia di un documento di identità, a bari@flcgil.it

venerdì 27 marzo 2020

INDAGINE SULL’AVVIO DELLA DIDATTICA A DISTANZA NEGLI ISTITUTI DI BARI E PROVINCIA. I NODI PROBLEMATICI DA AFFRONTARE


Abbiamo avviato, in questi giorni di emergenza, una indagine presso gli Istituti scolastici di Bari e provincia (QUI i dettagli), incentrata sull’individuazione di punti di forza e punti di debolezza nella pratica delle Didattica a Distanza. Inoltre abbiamo seguito la questione della chiusura degli edifici scolastici: dal nostro ultimo sondaggio, circa il 70% degli edifici Scolastici di Bari e provincia è stato chiuso, ed è urgente che anche i restanti Istituti assumano analoghe determine, in considerazione di quanto disposto dalla nota MI n. 392 del 18 marzo 2020 (sui servizi indifferibili) e delle limitazioni agli spostamenti confermate dal DL 25 marzo 2020, n. 19.
Ora è il momento, a distanza di quasi un mese dall'avvio, di operare una riflessione seria e urgente sulla Didattica a Distanza (DAD). L'indagine effettuata ci ha aiutato a enucleare alcune questioni nodali da risolvere. 
E' necessario che le decisioni in merito alla didattica vengano assunte dai collegi dei docenti (pur con i limiti delle riunioni on line). L'uso delle piattaforme, le scelte metodologiche, gli strumenti didattici, vanno condivisi e non imposti. La professionalità del singolo docente, la varietà delle discipline e dei contesti-classe, la molteplicità di approcci, non possono essere ricondotti a forzature e obblighi. Il principio costituzionale della libertà di insegnamento e le procedure decisionali sancite dalla legge non devono essere compressi. 
Gli Istituti stanno compiendo un meritorio sforzo per non interrompere la continuità dell'azione formativa e per consentire a studenti e famiglie un contatto con la quotidianità della scuola, oggi più che mai presidio di riferimento sociale. I problemi sono molteplici: dalle implicazioni e responsabilità giuridiche a cui le scuole vanno incontro, vista l'assenza di una consolidata normativa di riferimento, al rischio concreto di un aumento della dispersione scolastica per gli studenti non dotati di mezzi tecnologici o con problematiche speciali. 
I Dirigenti Scolastici sono investiti da nuovi oneri e da nuove sfide, nelle quali devono coinvolgere il personale, se il principio della comunità educante contenuto nel nostro CCNL è qualcosa di più di una frase felice. 
La distanza fisica va colmata con la vicinanza di intenti e con la costruzione di una comunità scolastica più che mai reale.
QUI la nostra nota inviata a tutti gli Istituti scolastici di Bari e provincia.







martedì 10 marzo 2020

Sospensione dell'assistenza sindacale in presenza

Alla luce di quanto è stato disposto dal Presidente del Consiglio dei Ministri col DPCM entrato in vigore oggi, siamo costretti a sospendere ogni attività di assistenza in presenza, considerando l’obbligo di evitare situazioni di rischio per il possibile contagio da CORONAVIRUS che si sta espandendo anche nel nostro territorio e la difficoltà di comprovare correttamente i motivi si spostamento di tutto il personale interessato all’assistenza.

In questo momento, oltre a raccomandare a ciascuno di osservare scrupolosamente le prescrizioni fornite dalle autorità, al fine di uscire quanto prima da questa situazione di emergenza che sta mettendo in difficoltà cittadini, lavoratori e tutte le attività economiche e sociali del nostro territorio, vi chiediamo di mettervi in contatto con i nostri referenti territoriali e coi compagni che, secondo competenza, possono continuare a supportarvi per ognispecifica esigenza, direttamente ai loro recapiti telefonici o di posta elettronica o con una email a bari@flcgil.it.

Lo sportello di consulenza legale è sospeso fino a nuova data. Eventuali esigenze assolutamente indifferibili (licenziamenti e simili) possono esserci comunicate attraverso i canali indicati che provvederanno a stabilire l’eventuale contatto con il nostro legale.

Siamo impegnati a chiedere il rinvio della pubblicazione dell’Ordinanza Ministeriale per la mobilità per l’a.s. 2020/21, tuttavia se dovessero aprirsi i termini per la trasmissione delle domande, vi forniremo ulteriori indicazioni riguardo alla specifica assistenza che comunque continueremo a garantire anche a distanza.

Siamo consapevoli dei disagi che si stanno creando, ma intendiamo gestire questo momento così critico per tutte/i con la massima responsabilità nei confronti di tutta la nostra comunità professionale e sindacale con l’obiettivo di contribuire a ridurre i rischi a carico di tutte/i, osservando le norme imposte, uscendo prima possibile da questa situazione di crisi.

Attivi con le stesse modalità anche i nostri consueti sportelli territoriali.

sabato 7 marzo 2020

REGOLAMENTO APERTURA SPORTELLI DI CONSULENZA - EMERGENZA CORONAVIRUS




Alla luce dell’attuale situazione di emergenza, che ci impedisce di portare avanti la nostra ordinaria attività di assistenza nelle nostre sedi nelle quali spesso si affollano tanti lavoratori in condizioni che non consentono oggi di rispettare le prescrizioni fornite dal Governo coi propri DPCM e dalle autorità sanitarie,
allo scopo anche di tutelare tutte/i voi e I/le compagni/e che, ad ogni buon conto, continueranno a presidiare le sedi e a prestare l’assistenza e il supporto necessario,

vi preannunciamo che a partire da lunedì prossimo, 9 marzo e fino a quando la situazione di emergenza non cesserà, i nostri sportelli territoriali, quello centrale di Bari città e quelli comunali nella provincia, saranno accessibili soltanto attraverso prenotazioni e appuntamenti programmati e concordati, in modo da evitare la creazione di assembramenti pericolosi per le maggiori possibilità di contagio.

La sede centrale di Bari città sarà raggiungibile anche al mattino (sempre nelle giornate di martedì-mercoledì-giovedì), ma sempre previo appuntamento concordato. Sarà possibile chiedere un appuntamento mandando un’email a bari@flcgil.it oppure contattando direttamente i responsabili degli sportelli per e-mail o ai recapiti mobili che trovate nell’elenco.

Nel caso in cui nei prossimi giorni dovesse essere pubblicata l’attesa Ordinanza Ministeriale per la mobilità per l’a.s. 2020/21 (stiamo chiedendo di far slittare i termini), e dovessero di conseguenza aprirsi i termini per la trasmissione delle domande, vi forniremo ulteriori indicazioni riguardo alla specifica assistenza che comunque continueremo a garantire.

Nel caso in cui l’evolversi della situazione richieda l’interruzione della consulenza in presenza, si provvederà a comunicarvi modalità di consulenza a distanza.

Siamo consapevoli dei disagi che potrebbero crearsi, ma intendiamo gestire questo momento così critico per tutte/i con la massima responsabilità nei confronti di tutta la nostra comunità professionale e sindacale con l’obiettivo di contribuire a ridurre i rischi a carico di tutte/i e al contempo uscire prima possibile da questa situazione di crisi.

venerdì 28 febbraio 2020

Ex LSU: piano delle attività, nomina supplenti, cessazione del rapporto di lavoro, documenti di rito e attività formative

Sono appena terminate (ieri) le nomine dei lavoratori dipendenti delle ditte d'appalto storico dei servizi di pulizia delle scuole. Nelle scorse ore abbiamo trasmesso alle istituzioni scolastiche una nota con la quale chiediamo di aggiornare i piani delle attività del personale ATA, con particolare riferimento ai servizi svolti dai collaboratori scolastici, profilo nel quale vengono integrati a far data dal 1° marzo 2020 i lavoratori internalizzati. I lavoratori neoassunti devono essere trattati con le stesse tutele e gli stessi doveri destinati al personale già collaboratore scolastico, in condizioni di parità.
Sugli oltre 90 posti residuati, abbiamo ricordato alle scuole di procedere a nominare il personale supplente, seguendo le indicazioni che pervengono dall'Amministrazione scolastica (nelle ultime ore si è fornito l'orientamento di nominare per 30 giorni in attesa dell'esperimento della fase nazionale di assunzione di part time ed esuberi in altre province).
Nelle prossime ore il personale internalizzato sarà interessato dalla cessazione del rapporto di lavoro con la propria azienda. Sappiamo che vengono fornite varie indicazioni dalle diverse organizzazioni sindacali di categoria, ma ciò che rimane invalicabile, allo stato attuale, è l'impossibilità di assumere servizio con altri impieghi lavorativi ancora in essere,

lunedì 13 gennaio 2020

Nuova Passweb: nuovo documento unitario dei sindacati provinciali di Bari per resistere alle incursioni dell'INPS nelle scuole e ai tentennamenti dei MIUR

Sono ormai alcuni mesi che nelle scuole della nostra provincia arrivano documenti come questo direttamente dall'INPS o che ai lavoratori direttamente interessati che hanno prodotto un'istanza di revisione della posizione assicurativa (RVPA) viene restituita una comunicazione negativa con l'argomentazione che la scuola non ha certificato i periodi oggetto di richiesta.
Eravamo già intervenuti a suo tempo, prendendo posizione in maniera chiara, rispetto alla circostanza che i nuovi oneri di certificazione del diritto a pensione e di tutti gli obblighi annessi potessero essere così bellamente scaricati sulle scuole, ovvero sui dirigenti scolastici, DSGA e, soprattutto, sugli assistenti amministrativi.
Ora, però, siamo costretti a intervenire nuovamente, alla luce delle comunicazioni trasmesse dall'INPS e, soprattutto, alla luce del tono di queste ultime, sostanzialmente impositivo e vagamente minaccioso, in caso di inadempienza ad ordini direttamente impartiti da quella amministrazione.
Lo ribadiamo anche in questo caso, questa volta anche con i contenuti della nota MIUR n. 50487 dell'11 dicembre 2019 (quella relativa ai pensionamenti di quest'anno per intenderci) che testualmente recita "gli Ambiti territoriali/le Istituzioni scolastiche dovranno aggiornare, con cadenza settimanale, entro il 14 febbraio 2020, i dati sul sistema SIDI in modo da consentire alle sedi INPS di consultare ed utilizzare le informazioni, anche con riferimento ai periodi pre–ruolo ante 1988 con ritenuta in Conto Entrate Tesoro", nel caso in cui le scuole o gli USP non siano in grado utilizzare l'applicativo "nuova Passweb", per il quale al momento non c'è la formazione adeguata, nè si può ritenere (anche laddove vi fosse) che questa sia obbligatoria per tutto il personale e non essendo quelli richiesti dall'INPS compiti specifici delle istituzioni scolastiche.
Alla luce di tutto questo abbiamo diffuso nei giorni scorsi quest'ulteriore documento unitario a sostegno

domenica 12 gennaio 2020

Dimensionamento scolastico: le incursioni della politica generano confusione e incertezza

Nei giorni scorsi, la Giunta della Regione Puglia ha deliberato sull'assetto delle istituzioni scolastiche del primo e del secondo ciclo della nostra provincia e anche sul piano dell'offerta formativa delle scuole secondarie superiori. Come al solito, a piano adottato, abbiamo ricevuto molte lamentele di istituzioni scolastiche ed enti locali che si ritengono danneggiati, ma ciò che è davvero insopportabile è ritrovarsi per l'ennesima volta a registrare l'assunzione di decisioni incomprensibile da parte della nostra regione, per ragioni che nulla hanno a che fare con il buon andamento delle nostre scuole e l'accoglienza e lo sviluppo delle potenzialità degli studenti. Anzi, registriamo che le decisioni vengono assunte contro i pareri di tutti gli altri organi interessati (scuole, enti locali, USR Puglia) e frequentemente contro le linee guida di cui la stessa regione si dota per orientare l'adozione delle scelte da parte delle scuole, degli enti locali e della stessa Giunta Regionale.
Auspichiamo, come già riferito sulla stampa nei giorni scorsi, che ci sia uno spazio rapidissimo per una correzione di rotta (dato che a iscrizioni aperte è davvero dannoso tutto questo teatrino) che riporti le scelte nell'ambito della correttezza e della razionalità amministrativa e formativa. Diversamente il precipitato di questa ulteriore deliberazione non potrà che

giovedì 21 novembre 2019

4 dicembre: parte il nostro corso di preparazione al concorso 2020


Il concorso straordinario e ordinario per docenti sembra in dirittura d'arrivo, dopo innumerevoli modifiche e proroghe. Il prossimo 4 dicembre, alle 16.30, QUI la locandina e il modulo on line di preiscrizione al corso

presso la nostra sede di Bari, si terrà un incontro di presentazione del nostro corso di preparazione, che organizziamo, come di consueto, con Proteo Fare Sapere Bari.
In questa scheda forniamo una sintesi sul nuovo reclutamento e le nostre FAQ sui dubbi più frequenti in merito ai concorsi e al reclutamento in generale. 

martedì 12 novembre 2019

Lunedì 18 novembre: assemblea aperta sul nuovo reclutamento del personale docente nella scuola statale

Si terrà lunedì pomeriggio alle 15,15 lunedì 18 novembre presso l'auditorium dell'IISS "Euclide" di Bari in via Prezzolini (zona Polivalente, quartiere Japigia, uscita 14/B della tangenziale), l'assemblea aperta sul nuovo reclutamento del personale docente nella scuola statale.
Insieme a Manuela Pascarella - centro nazionale FLC CGIL che ha seguito il percorso che ha portato alle intese col MIUR e poi al D.L. 126/2019 - passeremo in rassegna le modalità di accesso alla professione docente, dal concorso ordinario a quello straordinario cui si accederà con almeno 3 anni di servizio. Sarà l'occasione per approfondire i vari aspetti relativi al concorso ordinario e riservato, evidenziare le nostre critiche all'impianto di questo sistema, aggiornare sulle mobilitazioni in corso per correggerlo nella prossima legge di conversione del decreto legge.
Qui trovate la locandina della nostra iniziativa.
E' possibile, inoltre, inviare domande per chiedere di chiarire o trattare alcuni aspetti specifici compilando l'apposito form raggiungibile da qui.
Alle domande che ci verranno rivolte forniremo

giovedì 31 ottobre 2019

Supplenze su posti di potenziamento: le nomine dei precari vanno garantite anche su queste disponibilità

Negli ultimi giorni abbiamo ricevuto diverse segnalazioni rispetto alla mancata nomina dei docenti supplenti su quote di organico docente del cosiddetto potenziamento. Che si tratti posti interi o di quote orarie relative a posti di potenziamento (in realtà bisognerebbe parlare più correttamente di posti dell'organico dell'autonomia, dato che la distinzione in termini giuridico-amministrativi non esiste più) le scuole devono procedere a nominare i supplenti su queste disponibilità seguendo le regole indicate dal D.M. 131/2007 (Regolamento delle supplenze per il personale docente) e dalla nota annuale sulle supplenze del MIUR del 28 agosto 2019, apponendo il termine del 30 giugno o del 31 agosto a seconda che il posto sia solo disponibile oppure vacante e disponibile.
Abbiamo trasmesso una nota alle istituzioni scolastiche della nostra provincia per supportare il lavoro di segreterie e DS e in modo da evitare ulteriori distorsioni di questo genere che rischiano di comprimere l'organico dell'istituto e, conseguentemente, le opportunità formative degli studenti e, al contempo, di penalizzare