venerdì 13 novembre 2020

Covid-19 e sicurezza dei lavoratori della conoscenza. Ordine del giorno del Direttivo provinciale della FLC CGIL di Bari


E' stato approvato all'unanimità dal comitato direttivo provinciale della FLC CGIL di Bari, nella giornata di oggi, l'ordine del giorno sulla sicurezza degli addetti dei settori pubblici della conoscenza (scuola, università, ricerca, AFAM) nell'attuale fase pandemica che sta aggredendo ancora una volta il nostro Paese e il nostro territorio.

Riconoscendo l'attuale situazione di caos istituzionale nella gestione dell'emergenza nei nostri settori, dovuto anche al decadimento del sistema delle autonomie istituzionali (autonomia scolastica compresa - come segnalato da un apposito ODG approvato all'unanimità lo scorso 1° luglio - la FLC CGIL di Bari ha valutato l'errata impostazione manichea del dibattito pubblico tra apertura/chiusura delle scuole che impedisce una concreta conciliazione del diritto all'istruzione con quello alla salute e alla sicurezza dei lavoratori del nostro settore.

Al termine del dibattito, cui ha preso parte il segretario provinciale della CGIL di Bari, Paolo Villasmunta e il segretario generale della FLC CGIL Puglia, Claudio Menga, i compagni e le compagne, componenti del comitato direttivo hanno approvato all'unanimità questo ordine del giorno che verrà trasmesso alla FLC CGIL nazionale e regionale

martedì 10 novembre 2020

NOTA DELLA FLC CGIL DI BARI SULLA "DIDATTICA MISTA"


IL CONFLITTO ISTITUZIONALE SULLA SCUOLA STA GENERANDO CAOS E DISORIENTAMENTO. SOLO IL 12% DELLE SCUOLE È IN GRADO DI PARTIRE IMMEDIATAMENTE CON LA DIDATTICA MISTA, IL RESTO RIMANE ASSEDIATA DA ISTITUZIONI E FAMIGLIE.
 

Sono fatti noti: il DPCM e le ordinanze della Regione Puglia sono entrati in conflitto. Dopo un iniziale provvedimento di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado (eccetto quelle dell’Infanzia), la Regione ha emanato una successiva ordinanza che ha aggirato l’ostacolo della sentenza del TAR (che aveva sospeso l’efficacia in via cautelare della precedente ordinanza), disponendo la possibilità di una indefinita didattica mista. 

Ora, se con questa espressione si intenda una commistione fra presenza e distanza per lo stesso studente, o fra studenti della classe, o se si stia parlando di Didattica Digitale Integrata, non è possibile comprenderlo, tanto più che se da un lato ci sono le Ordinanze e i DPCM, dall’altro ci sono gli addetti ai lavori, che necessitano di definizioni chiare e di indicazioni precise. 

La scuola (e per Bari e provincia possiamo parlare con dati alla mano) ha visto in questi ultimi e sciagurati mesi di emergenza un fermento di iniziative, sforzi, passione e competenza da parte dei vari attori che operano nel settore e che fruiscono dell’istruzione: dirigenti scolastici, docenti, educatori, personale ATA, studenti, famiglie. Una macchina collettiva che ha finora compreso le reciproche esigenze e che ha visto una capacità di flessibilità e adattabilità, oltre che di innovazione e aggiornamento, assolutamente inedita. Vanificare ogni sforzo, come sta succedendo in questi ultimi giorni, è un grave errore e una lacerante ferita all’interno delle singole comunità scolastiche. 

Sì, Presidente Emiliano, perché lei dice a gran voce alle famiglie di pretendere la DAD e, al contempo, ritiene inadempienti e colpevoli, arrivando a minacciare l’intervento della forza pubblica (!), gli Istituti che non mettono in piedi in 2 giorni il marchingegno della didattica “mista”. Servirebbe, forse, un po’ di conoscenza del nostro settore (dalle dotazioni tecnologiche alla realizzabilità pratica di una attività scolastica di questo tipo) prima di sentenziare e cercare capri espiatori. Ma per comprendere un settore peculiare come è quello della conoscenza servono condivisione e ascolto, anche delle parti sindacali, che quei Dirigenti e quei lavoratori spesso

martedì 13 ottobre 2020

Presidio il 14 ottobre a Bari: scuole stabili e sicure


 #RENDIAMOSTABILEILLAVORO #RENDIAMOSICURELESCUOLE

Manifestazione a Bari in piazza Prefettura mercoledì 14 ottobre dalle 15.30 alle 17.30. Partecipiamo al presidio e diffondiamo la locandina con le nostre rivendicazioni unitarie: stabilizzazione, docenti di sostegno, percorsi abilitanti, no al concorso in piena pandemia. QUI il nostro comunicato stampa nazionale.


sabato 5 settembre 2020

GPS docenti: che fare? Il video del nostro incontro pubblico

In questi giorni i vari Uffici Scolastici stanno pubblicando le Graduatorie Provinciali per le Supplenze (GPS) per i docenti (QUI le GPS di Bari e provincia). Su questa procedura, il nostro segretario generale di Bari Ezio Falco oggi su Repubblica: intervista a Ezio Falco


Per fare il punto sulla situazione e spiegare il meccanismo di convocazione per le supplenze (accettazione, rinuncia, proroga ecc.), abbiamo organizzato un incontro pubblico on line (QUI il video completo). L’esiguo tempo destinato alla valutazione delle domande provocherà con molta probabilità il verificarsi di errori nelle graduatorie. Inoltre, secondo l'Ordinanza Ministeriale n. 60 del 10/7/2020, si prevede che le graduatorie siano pubblicate dagli Uffici scolastici territoriali e che le stesse possano essere impugnabili solo mediante ricorso amministrativo (TAR o Presidente della repubblica). L’Ordinanza non prevede l’adozione di graduatorie provvisorie e, quindi, una procedura di reclamo avverso i possibili errori materiali come, peraltro, sempre accaduto in passato. Abbiamo sollecitato a livello nazionale un meccanismo che consenta le correzioni ed eviti i contenziosi. Comunque, vi inviamo un modello di reclamo che potrete

mercoledì 12 agosto 2020

Al via le immissioni in ruolo docenti per l'a.s. 2020-2021

 

Sono iniziate anche per la Regione Puglia le procedure di immissione in ruolo dei docenti. 

Ecco alcune indicazioni per affrontare al meglio questa procedura.

Le immissioni in ruolo sono ripartite a livello nazionale in base alle indicazioni del MIUR (qui la pagina del nostro sito nazionale, che riporta anche alla sezione del sito del Ministero dell’Istruzione). L’Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia ha pubblicato la ripartizione del contingente dei ruoli a livello regionale e provinciale. Contestualmente, ha convocato i docenti interessati all’immissione in ruolo da Graduatorie dei Concorsi 2016 e 2018: convocazioni USR Puglia. La procedura consiste nelle scelta della provincia e va completata entro il 14 agosto

Successivamente, gli Uffici Scolastici Provinciali pubblicheranno apposito avviso per la scelta della scuola da parte dei docenti assunti da graduatorie concorsuali e per l’immissione in ruolo dei docenti reclutati da Graduatorie ad Esaurimento (le GAE provinciali).

Tutte le procedure sono informatizzate e prevedono la presentazione di istanza attraverso il sistema POLIS (Istanze on Line), alla voce ‘Informatizzazione Nomine in Ruolo – Espressione preferenze provincia-classe di concorso/tipo posto’. I dettagli in questo avviso e qui una guida della FLC CGIL nazionale per la presentazione dell’istanza. Qui un prospetto dei posti disponibili su tutto il territorio nazionale

Attenzione: se non si presenta istanza, il ruolo viene attribuito d’ufficio. Per rinunciare al ruolo, è necessario segnalarlo nella stessa istanza, come spiegato nella nostra guida.

Nell’Allegato A il Ministero ha ribadito le istruzioni operative per le immissioni in ruolo,

sabato 1 agosto 2020

GPS e graduatorie d'istituto: i dati degli organici delle scuole di Bari per la scelta delle graduatorie di istituto

Mentre continua affannosamente la corsa a presentare le domande per le numerose procedure che investono in questi giorni i docenti precari e le migliaia di aspiranti del nostro territorio (oggi sono scaduti i termini per la presentazione delle domande per il concorso ordinario), continua anche l'impegno della FLC CGIL di Bari per garantire assistenza alle oltre 1000 persone che si sono rivolte in circa una settimana ai nostri sportelli. Tra le tante difficoltà (a proposito, ringraziamo tutti i nostri instancabili compagni/e che stanno profondendo impegno e competenza in questa attività), stiamo riuscendo a supportare gradualmente tutti coloro che ci hanno richiesto assistenza con consulenze e compilazioni individuali, collettive "on line", (pochissimo) con appuntamenti in presenza nella massima sicurezza per evitare in ogni modo di contribuire alla nuova ondata di contagi di Covid-19.
Nelle ultime ore la richiesta più pressante riguarda la modalità per individuare le scuole in cui vengano impartite particolari discipline (dove, quindi, siano presenti determinate classi di concorso) e i criteri per scegliere quella che offre delle opportunità di supplenza in più. Posto che non esistono, ovviamente, criteri validi in assoluto per scegliere "le scuole migliori" - non potendo conoscere le scelte che ciascun aspirante opera e il punteggio di ciascuno - ricordiamo che, in linea generale, ha poco senso osservare le disponibilità oggi esistenti, specie per quanti si candidino in seconda fascia GPS con punteggi contenuti. Può avere senso operare una scelta consapevole sulla base della ripartizione dei posti organico docente negli istituti del nostro territorio - ricordiamo che Bari e Bat rientrano nell'ambito della competenza dello stesso Ufficio Scolastico

mercoledì 22 luglio 2020

Graduatorie provinciali per le supplenze e graduatorie d'istituto. Il form per la prenotazione dell'assistenza

Si aprono oggi i termini per presentare le domande di inserimento nelle graduatorie provinciali per le supplenze (GPS) e per le graduatorie d'istituto per il personale docente a tempo determinato.
Il sistema, recentissimamente riformato, presenta criticità e incertezze che i docenti precari della scuola statale affrontano per la prima volta.
Per garantire in sicurezza l'assistenza necessaria, anche in questa fase, la FLC CGIL di Bari prevede uno sportello virtuale e fisico per il quale ci si potrà prenotare, compilando questo form on line.
I nostri referenti contatteranno gradualmente tutti i colleghi che avranno bisogno di supporto, cercando di tutelarli anche in questa fase molto delicata.

venerdì 10 luglio 2020

Straordinario abilitante: il servizio prestato su Diritti a Scuola deve essere valido per l'accesso. La FLC di Bari propone ricorso al Capo dello Stato


Il servizio prestato dal personale docente precario nell'ambito dei progetti regionali Diritti a Scuola è stato riconosciuto come utile ai fini della progressione nelle graduatorie provinciali e d'istituto di docenti e ATA fin dal 2013 con il c. 4-bis art. 5 D.L. 104/2013, poi convertito in L. 128/2013.

Ancora prima, in realtà, come FLC CGIL di Bari ne avevamo ottenuto il pieno riconoscimento ai fini della validità dei requisiti di servizio per l'accesso ai Percorsi Abilitanti Speciali (PAS) di cui al DDG n. 58 del 25 luglio 2013. Il TAR Puglia, su nostro ricorso, riconobbe il diritto di diversi docenti ad accedere ai percorsi abilitanti che maturavano le tre annualità di servizio specifiche nell'ambito dei progetti DAS. 
Oggi, nonostante questo precedente e nonostante il D.L. 126/2019, convertito con L. 159/2019, al c. 6 art. 1, abbia richiamato l'utilità del servizio svolto su progetti regionali attivati sulla base di apposite convenzioni tra Ministero dell'Istruzione e Regioni (proprio come i DAS), ai fini della maturazione del requisito per la partecipazione alla procedura straordinaria a cattedra di cui al DDG 510 del 23 aprile 2020 (poi ritirato per essere bandito nuovamente con nuove modalità di svolgimento delle prove selettive), riscontriamo che questo stesso servizio non è utile ai fini della maturazione del requisito per la partecipazione al concorso abilitante riservato per la scuola secondaria di primo e secondo grado, di cui al DDG n. 497 del 21 aprile 2020. Quindi, secondo il Ministero dell'Istruzione la stessa tipologia di servizio - peraltro valutabile

lunedì 22 giugno 2020

Sportello di consulenza a distanza: come prenotarsi

Prosegue la nostra attività di consulenza e assistenza per i lavoratori della conoscenza. 
In questi mesi così particolari siamo stati attivi, anche a distanza, su molteplici questioni: mobilità, supplenze, concorsi, graduatorie, DaD, organizzazione delle scuole in emergenza. 
Viste le numerose richieste, abbiamo deciso di organizzare al meglio il nostro lavoro attraverso un sistema di prenotazione.
Basta cliccare al seguente link e compilare il modulo on line: prenotazioni sportello consulenza
In base a quanto indicherete nel modulo, vi contatteremo e organizzeremo al meglio l'assistenza alle vostre richieste. 

giovedì 4 giugno 2020

Chiarimenti in materia di ferie del personale della scuola

In questi giorni stiamo osservando numerose circolari con le quali si richiede al personale della scuola della nostra provincia di fruire delle ferie maturate in un periodo più compresso rispetto a quanto stabilito nel contratto collettivo nazionale di lavoro. Incomprensibilmente, si è diffusa la tendenza, soprattutto negli istituti del primo ciclo, a limitare in maniera più o meno vincolante il periodo di fruizione ricadente a ridosso di ferragosto.
Per questo abbiamo scritto oggi una nota alle istituzioni scolastiche della provincia di Bari e all'Ufficio Scolastico Provinciale tesa a evidenziare ragioni e termini dell'illegittimità di queste note, laddove impongano espressamente una compressione del periodo utile per la fruizione del diritto alle ferie.
Qui la nota trasmessa alle scuole e all'USP di Bari.
Invitiamo i lavoratori della scuola a continuare a farci pervenire